Le migliori frasi dei tuoi Anime & Manga!

Tokyo Ghoul - Frasi

Author
Post
4 Jun 2019, 7:41
User avatar
PGreca
Amministratore
Amministratore
Posts: 27
Joined: 9 Sep 2018, 21:18
Altre citazioni
TRAMA
A Tokyo si verificano una serie di strani e cruenti omicidi dovuti alla presenza di ghoul, mostri che vedono gli umani solo come prede e che si possono cibare unicamente della loro carne. Ken Kaneki è uno studente universitario, dedito allo studio e alla lettura, che un giorno conosce in un bar Rize, una sua affascinante coetanea: in realtà anche la ragazza è un ghoul e Ken diventerà ben presto la sua preda. Rize infatti, con un pretesto, attira Ken in un luogo isolato dove lo ferisce gravemente con dei ripetuti attacchi, ma prima di poterlo divorare, viene ferita perché colpita da una serie di travi d'acciaio, che precipitano fortunatamente da un edificio in costruzione nei paraggi. Il ragazzo viene quindi portato d'urgenza in un ospedale dove il chirurgo della sua operazione, in un gesto disperato, decide di sottoporlo a un trapianto di organi, presi proprio dal corpo di Rize. Sopravvissuto all'impossibile, Ken inizia presto a capire però di essere diventato un mezzo-ghoul in una città disseminata di questi esseri, dove ciascuno di loro, per mangiare e quindi vivere, deve guadagnarsi (anche con la forza) il proprio "territorio di caccia". Entrerà subito a far parte dell'Anteiku, un gruppo di ghoul che hanno deciso di vivere con gli umani, dove stringerà un fortissimo rapporto con Touka.
  • Ken Kaneki: “Io sono… io sono un essere umano!”
  • Tōka Kirishima: “Be’, di sicuro non sei un ghoul, ma non sei neanche un essere umano.
    Al mondo non c’è posto per un bastardo come te! […] Se ci tieni tanto ad essere un uomo, allora sopporta la fame fino alle estreme conseguenze; però ti avviso: la fame per un ghoul è l’inferno in terra.”
-------
  • Tōka Kirishima: “Sentiamo: se io sono un mostro, tu allora che cosa saresti?”
  • Ken Kaneki: “Ti prego, dimmi… dimmi che cosa dovrei fare ormai: non so più neanch’io che cosa sono. Da quel maledetto giorno è andato tutto a rotoli.”
  • Tōka Kirishima: “A rotoli, eh? E io allora che cosa dovrei dire? Avanti, prova a spiegarmi il sapore di una vera torta: vedi, a me disgusta soltanto il pensiero eppure gli esseri umani le mangiano con gusto. E com’è la sensazione di vivere in pace, senza doversi preoccupare della CCG o degli altri ghoul? A te sarebbe andato tutto a rotoli? Ma non farmi ridere, a me è andato tutto a rotoli da quando sono nata.”
-------
  • Ken Kaneki / Haise Sasaki: “Come pensi di sopravvivere da solo a questo accerchiamento?!
    La tua scelta è un suicidio!”
  • Shuu Tsukiyama: “Investigatore delle colombe, non è cosa a cui debba pensare tu!
    Ti sconfiggerò, e andrò via!”
-------
  • Ken Kaneki / Haise Sasaki: “Come pensi di sopravvivere da solo a questo accerchiamento?!
    La tua scelta è un suicidio!”
  • Shuu Tsukiyama: “Investigatore delle colombe, non è cosa a cui debba pensare tu!
    Ti sconfiggerò, e andrò via!”
-------
  • Ken Kaneki: “Chi stava combattendo al suo fianco, Urie?
    Ogni volta che uno si trova in una posizione di svantaggio, è per via della mancanza di abilità.
    Se vuoi maledire qualcosa, maledici la tua debolezza.”
-------
  • Eto Yoshimura: “Ho deciso che mi piaci un sacco.
    Io e te siamo davvero simili.”
-------
  • Ken Kaneki: “In realtà mi sto chiedendo perchè un rifiuto come te.. andrebbe salvato.”
  • Eto Yoshimura: “Che male! Maledetto rifiuto di merda!”
-------
  • Ken Kaneki: “Il proprietario del locale.. tuo padre.
    E’ stato Kuzen a chidermelo.
    Voleva che io ti salvassi.”
  • Eto Yoshimura: “Mi stai salvando, davvero!
    Ken Kaneki, certo che sei davvero gentile!
    Quindi ti ispiro misericordia?”
  • Ken Kaneki: “Già.”
-------
  • Haise Sasake: “La tua salvezza è solo un sogno felice durante il riposo.
    Io sono questo sogno.
    Una volta sveglio, piangerai per un po’, e poi sarà finita.
    Ho finito per rifare l’ errore di pensare che potessi desiderare qualcosa.”
  • Ken Kaneki: “Puoi farlo?”
  • Haise Sasake: “Si.”
  • Ken Kaneki: “Buonanotte, Haise.”
-------
  • Ken Kaneki: “Ma come, non ti ricordi?
    Io sono spesso stato picchiato da chi amavo mentre piangevo pateticamente.”
  • Ken Kaneki: “A me la mamma piaceva molto.”
-------
  • Akira Mado: “Abbandona ogni ingenuità quando combatti.
    Il tuo animo gentile finirà per ucciderti.”
-------
  • Ken Kaneki: “In un campo di fiori sotterraneo, ho incontrato un dio della morte.
    Così anche io, come la mia mamma…
    Come un verme…
    Ma non sono riuscito a morire.”
  • Haise Sasake: “Io.. desideravo morire?”
  • Ken Kaneki: “Si! Sicuramente!
    Per questo, stavolta, vorrei fare una cosa per cui tutti mi ameranno, e poi.. morire in grande stile!”
-------
  • Ken Kaneki: “Fammi sparire. Sarebbe meglio se io fossi morto quella volta.
    Devi uccidermi, Haise.”
-------
  • Ken Kaneki: “Non hai detto che mi avresti salvato?”
-------
  • Kuki Urie: “Sono un investigare anti-Ghoul, anche se hai cercato di lavarlo via, lo sento… l’ odore del sangue.”
-------
  • Nishiki: “Ma come fanno gli esseri umani a mangiare quella roba? [un dolcetto] Sembra di inghiottire merda di cavallo.”
-------
  • INCIPT: “Si nascondo tra gli umani, nutrendosi della loro carne.
    Pur avendo fattezze umane… sono diversi da loro.
    La gente li chiama… Ghoul.”
-------
  • Kaneki (dopo aver bevuto un caffè): “È buono, è buono veramente. Tutto quello che assaggio ha un sapore orribile.”
  • Yoshimura: “Fin dai tempi più antichi i ghoul riescono a trovare buono soltanto il caffè: lo gustano come gli esseri umani, ma è evidente che non basterà solo il caffè a soddisfare la tua fame, quindi…”
  • Kaneki: “Che cos’ è?”
  • Yoshimura: “Quando ne avrai bisogno torna pure qui senza fare complimenti.”
-------
  • Touka: “Se ci tieni così tanto a definirti un essere umano, allora perché non provi a sopportare la fame fino al limite?! Ti avverto… la fame di un ghoul è come l’inferno in terra!”
-------
  • Kaneki: “Il tempo non guarisce. Ci insegna a vivere con il nostro dolore.”
-------
  • Rize Kamishiro: “Ti sei appassionato alla letteratura in un occasione particolare?”
  • Ken Kaneki: “A casa abbiamo moltissimi libri lasciati da mio padre.”
  • Rize Kamishiro: “Ah!”
  • Ken Kaneki: “E’ morto da tanti anni, e così da piccolo ho cominciato a leggerli. Mi facevano compagnia quando mia madre andava fuori a lavorare, il che capitava spesso.
    Poi è morta anche lei. Fino ad oggi di queste cose ne avevo parlato soltanto con Eve.”
-------
  • Yakumo Ōmori: “So che ti definiscono un’ ingorda… e non è così per dire.”
  • Rize Kamishiro: “Se c’ è una cosa che non sopporto è essere disturbata durante il pasto.”
  • Yakumo Ōmori: “Possibile che tu non sappia niente di me?”
  • Rize Kamishiro: “So tutto di te. So che sei un essere noioso che si diverte a disturbare il prossimo.”
  • Yakumo Ōmori: “AHAHA Si tratta di ordini. Sono costretto a farti mia prigioniera, ma sai prima di questo una o due dita, tre o quattro braccia, cinque o sei gambe, posso prenderle senza problemi, giusto!?”
  • Rize Kamishiro: “Un giocattolo così piccolo per un corpo così grande. Ti piace così tanto giocare a fare la mamma!? Che carino.”
  • Yakumo Ōmori: “Lascia che… che ti prenda.”
  • Yakumo Ōmori: “Ridamela.. è mia! Ridamelaaa!”
  • Rize Kamishiro: “Non ho più voglia di giocare con te.”
-------
  • Touka Kirishima: “Quale sarebbe il modo giusto di vivere con un corpo del genere?! Dimmelo! L’ unica cosa che voglio… proprio come te… è vivere…"
-------
  • Nishiki: “E’ difficile fidarsi degli altri… ma se si tratta di te… mi sta bene anche di essere tradito.”
-------
  • Ken Kaneki: “Non dobbiamo combattere tra di noi… Non possiamo continuare a rubare cose a vicenda… sia gli esseri umani che i Ghoul… dobbiamo spezzare le catene di questa tristezza…”
-------
  • Tsukiyama: “Solo quando ci si immerge nel mondo dei libri si può davvero dimenticare la propria identità… sono state proprio quelle storie… a farmi superare i momenti più difficili…"
-------
  • Touka Kirishima: “La paura di vedersi strappare via la vita senza ragione… riesci a comprenderla?
    Vedere uccisi i propri cari come fossero insetti… riesci a comprendere questa sensazione?!”
-------
  • Il Gufo: “Il mondo è fatto di lotte e massacri… ci si giustifica dicendo che questa è una cosa inevitabile… non esiste una valida ragione per uccidere qualcuno… l’ atto di rubare una vita è in un modo o nell’ altro sempre malvagio…”
-------
  • Rize: “Ci sono momenti in cui bisogna saper rinunciare a qualcosa per proteggere quello a cui tieni.”
-------
  • Nishiki: “Delle altre persone… non ci si può proprio fidare.”
-------
  • Rize: “Se tua madre avesse ignorato le continue richieste di sua sorella..non sarebbe morta per il troppo lavoro..che madre stupida eh? Se davvero ti avesse amato..avrebbe dovuto rifiutare sua sorella..”
  • Kaneki: “Smettila..”
  • Rize: “In realtà avresti voluto che facesse così non è vero?”
  • Kaneki: “Mamma…mamma….perchè?! Perchè mi hai abbandonato?! Mi sono sentito così solo..io..non voglio rimanere da solo!..Mamma..volevo che tu scegliessi me! Volevo che tu.. VIVESSI PER ME!!”
  • Rize: “Anche a costo di sacrificare tua zia?”
  • Kaneki: “ANCHE A COSTO DI SACRIFICARLA!!”
  • Rize: “Anche a costo di ferire qualcuno?”
  • Kaneki: “ANCHE A COSTO DI FERIRLO!!”
  • Rize: “Anche a costo di uccidere qualcuno?”
  • Kaneki: “ANCHE A COSTO DI UCCIDERLO!!”
-------
  • Madre di Kaneki: “Piuttosto che diventare una persona che fa del male, diventa una persona che si fa del male”
-------
  • Kaneki: “Non sono io ad essere sbagliato.
    Ad essere sbagliato è questo mondo”